Le Migliori Stampanti 3D del 2018

È arrivata finalmente l’era del tanto celebrato “do it yourself”, quel periodo dove le stampanti 3D sono una realtà alla portata di tutti. Negli ultimi anni il mercato del 3D Printing ha avuto un’enorme crescita, e tende sempre al miglioramento. Vuoi sapere quale può essere la migliore stampante 3D per te? Segui i prossimi consigli.

Migliore stampante 3D: guida alla scelta

Per scegliere la migliore stampante 3D per le tue esigenze sono diversi i fattori da considerare, che potremmo riassumere in questo modo.

  1. Tipo di utilizzo. Consumer o professionista? Il primo quesito potrebbe anche essere banalmente ridotto in “A cosa ti serve”? Dalla risposta a questa prima domanda si crea uno spartiacque al momento dell’acquisto. Se sei un professionista devi sicuramente investire in un prodotto dalle caratteristiche importanti. Se il tuo obiettivo è puramente ludico la migliore stampante 3D è semplicemente quella più economica.
  2. Dimensioni e qualità degli oggetti. Grosse dimensioni o qualità? Questa seconda domanda riguarda il rapporto “dimensioni vs qualità”. Gli oggetti realizzati con stampanti 3D, infatti, hanno solitamente una qualità di manifattura inversamente proporzionale alle dimensioni della stampante. Di conseguenza, se gli oggetti che devi realizzare sono di dimensioni contenute, puoi scegliere tra diverse stampanti 3D in versione desktop. Se invece hai bisogno di oggetti di una certa grandezza, e non vuoi cedere troppo in qualità, la migliore stampante 3D in questo caso è quella industriale.
  3. Luogo di utilizzo. Il terzo interrogativo, di per sé banale, si basa sulla scelta dei materiali di stampa. Devi sapere, infatti, che materiali comuni per la stampa 3D come il Nylon emettono vapori tossici, e in quel caso non è salutare tenere la stampante 3D sulla scrivania di casa.
  4. FFF o DLP. Il quarto interrogativo è quello più specifico, e riguarda le modalità di realizzazione delle stampanti 3D. FFF è l’acronimo di Fused Filament Fabrication, e prende il nome dalle “cartucce” composte da veri e propri filamenti di materiale, che vengono sciolti sul piano a seconda della figura da creare. Il metodo FFF è quello più diffuso perché ha una grande versatilità e i costi contenuti. Il metodo DLP (Digital Light Processing), invece, sfrutta come materiale alcune resine polimeriche che si induriscono se trattate con raggi di luce. Il DLP te lo consiglio solo se devi produrre oggi piccoli e dall’elevata finitura.

Stampante 3D Economica

  1. 1 CLASSIFICATO

    Anycubic Prusa i3

    Anycubic Prusa i3 - Recensione, Prezzi e Migliori Offerte. Dettaglio 1
    Miglior Prezzo:
    amazon
    CERCA SU Anycubic Prusa i3su Amazon
    Recensione

La migliore stampante 3D economica va ricercata tra quei modelli dotati di una buona tecnologia ma il cui prezzo non supera i 400 euro. Anche se sembra una cifra comunque importante in realtà le stampanti 3D sono dei dispositivi davvero complessi ed è fondamentale dedicare ad esse un budget che ci garantisca un livello di qualità soddisfacente. Non essendo infatti dei prodotti necessari, ma una tecnologia evoluta e rivolta, almeno inizialmente, soprattutto ad ambiti industriali, bisogna stare attenti a non scendere troppo nel budget per non incappare in un prodotto troppo scadente che potrebbe rivelarsi quasi inutilizzabile. Il prodotto che ti consiglio è la Anycubic Prusa i3, tra le più vendute e apprezzate di questa fascia di prezzo.

Stampante 3D Qualità Prezzo

  1. 1 CLASSIFICATO

    XYZPrinting da Vinci 2.0A Duo

    XYZPrinting da Vinci 2.0A Duo - Recensione, Prezzi e Migliori Offerte. Dettaglio 1
    Miglior Prezzo:
    amazon
    CERCA SU XYZPrinting da Vinci 2.0A Duosu Amazon
    Recensione

La migliore stampante 3D di questa fascia su cui investire i tuoi risparmi è la XYZPrinting da Vinci 2.0A Duo, perché coniuga qualità al risparmio. Questa stampante lavora con filamenti ABS e PLA, crea oggetti fino ad un massimo di dimensioni di 150 x 200 x 200 mm, ed ha un display intuitivo. Ti consiglio questa stampante soprattutto per il prezzo, visto che potrai ottenere oggetti di qualità con un prezzo davvero concorrenziale.

Stampante 3D Italiana

  1. 1 CLASSIFICATO

    Sharebot KIWI 3D

    Sharebot KIWI 3D - Recensione, Prezzi e Migliori Offerte. Dettaglio 1
    Miglior Prezzo:
    amazon
    CERCA SU Sharebot KIWI 3Dsu Amazon
    Dettagli
    Caratteristiche
    • La stampante 3D Sharebot KIWI è dotata di una resistente struttura in acciaio inox, di un piano di stampa 140x100x100 mm, un peso di circa 8 Kg e un ingombro di 310 x 350 x 330 mm.
    • La stampante 3D Sharebot KIWI possiede un design dalle linee semplici e pulite.
    • La stampante è dotata di numerosi accessori. Tra questi troviamo il porta bobine con barra filettata e 4 dadi, il cavo alimentazione e l'alimentatore SD Card. Compresa nella confezione una bomboletta di lacca, ideale per far aderire meglio il materiale alla superficie.
    • È possibile stampare collegando la stampante al proprio computer attraverso cavo USB oppure tramite la scheda di memoria SD.
    • Il consumo energetico della stampante è di 150 Watt.
    Pro
    • La stampante 3D Sharebot KIWI si presenta molto pratica e semplice da utilizzare, nonché di ottima fattura.
    • La stampante 3D Sharebot KIWI è dotata del software Slic3r engine, che permette di gestire la stampante attraverso impostazioni e funzioni avanzate, adatte in particolar modo per tutti gli utenti più esperti.
    • La stampante 3D Sharebot KIWI risulta abbastanza leggera, circa 8 Kg ed è trasportabile con la maniglia posta nella parte superiore.
    Contro
    • La stampante non non risulta molto silenziosa nel processo di stampa.
    • Il BuildTak fornito nella confezione che dopo le prime 8-10 stampe incomincia a consumarsi.
    • La stampante 3D Sharebot KIWI non è particolarmente precisa nella stampa, in particolar modo nella realizzazione delle curve.
    Motivi per Comprarlo
    • La stampante 3D Sharebot KIWI è consigliata per chi è alle prime armi. Ideale per chi desidera incominciare la prima esperienza con questa nuova tecnologia di stampa, attraverso uno strumento semplice da utilizzare e senza grandi pretese.
    • Consigliata a chi non vuole investire troppo denaro nell'acquisto di una stampante 3D.
    Motivi per Non Comprarlo
    • La stampante 3D Sharebot KIWI non è consigliata a chi ha particolari esigenze e vuole ottenere dei risultati professionali e precisi, in quanto i lavori di stampa non risultano totalmente perfetti. Per questo motivo la stampante non è adatta a chi intende effettuare dei lavori di tipo industriale oppure particolarmente frequenti e accurati.

Il mondo delle stampanti 3D è stato esplorato con successo da diverse aziende italiane. I nomi dei marchi non fanno trasparire facilmente l'appartenenza al nostro paese ed è un aspetto comprensibile per apparecchiature che puntano a un mercato internazionale e che lo hanno conquistato con successo. Alcuni esempi sono Kloner3D, Sharebot, e tanti altri. Le stampanti di queste aziende vanno dalle più semplici, per uso domestico, alle più evolute per ambiti industriali. Non potendo presentarvi un modello per ogni budget e necessità in questa sezione vi mostreremo la migliore stampante 3D italiana tra quelli maggiormente vendute e apprezzate. Questo potrà essere da spunto per capire quali sono i modelli più riusciti e con il miglior rapporto qualità/prezzo che si fregiano di un marchio totalmente italiano. La stampante 3D che vi presentiamo è la la Sharebot KIWI 3D. Questa azienda si è distinta per i prodotti di altissimo pregio in tutte le fasce di prezzo e questo è uno dei modelli più venduti e apprezzati.

Stampante 3D Professionale

  1. 1 CLASSIFICATO

    Kloner3D 240

    Kloner3D 240 - Recensione, Prezzi e Migliori Offerte. Dettaglio 1
    Miglior Prezzo:
    amazon
    CERCA SU Kloner3D 240su Amazon
    Dettagli
    Caratteristiche
    • Stampante professionale tridimensionale, per la realizzazione di progetti di architettura e meccanica.
    • Pesa circa 25 per dimensioni esterne di 40x46x60 cm, quindi ingombro minimo.
    • È fabbricata con alluminio rettificato, PVC e plexiglass: durevoli nel tempo e solidi.
    • Supporta le tecnologie di software Linux, Windows e Mac e files GCCODE, STL e OBJ.
    • Ha una tipologia di movimentazione lineare e meccanica TBMS. Ciò significa che l'unico componente del dispositivo che si muove è la testina.
    • FFF: Fused Filament Fabrication.
    • L'area di stampa è di 22x24x14 cm ed i materiali stampabili sono Laywood, Laybrick, PVA, PET, PLA e ABS.
    • 0,01 mm per la risoluzione di movimento e tra 0,05 e 0,8 mm per il layer.
    Pro
    • È una stampante ad uso e prestazioni professionali. Non è tarata meccanicamente, per una migliore personalizzazione delle prestazioni richieste. L'area di lavoro è a temperatura controllata, per garantire l'ideale protezione dei materiali di stampa.
    • All'acquisto è già pronta all'uso, non necessita di manutenzione. Le operazioni di caricamento della carta e del cambio delle testine sono semplici e veloci.
    • La scocca esterna e la componentistica sono solidi e durevoli nel tempo.
    Contro
    • L'unico aspetto negativo di Kloner3D 240 è che, essendo un prodotto destinato all'uso professionale, ad alta performance, ha un costo importante, rappresenta un investimento di un certo calibro. Si parla di quasi seimila euro.
    • Un'altra osservazione da fare è che non è il modello più recente della linea, in quanto la casa produttrice ne ha immessi sul mercato di nuovi e più avanzati.
    Motivi per Comprarlo
    • Se la usi per lavoro. In questo caso l'investimento iniziale sarà ammortizzato dal massiccio utilizzo e, se hai uno studio di progettazione, poter soddisfare i clienti senza appoggiarti a tipografie esterne, è una nota di pregio.
    • Se la spesa per le tue stampe tridimensionali è più alta, in un anno, rispetto al costo iniziale di questa stampante.
    Motivi per Non Comprarlo
    • Se non sei un professionista del settore o se ti avvali di stampe tridimensionali solo occasionalmente. Se la stampante 3D non è uno strumento necessario e di uso quotidiano per il tuo lavoro, forse non conviene investire una cifra del genere ma appoggiarsi a tipografie esterne per quelle occasioni particolari in cui può esserti utile questo tipo di stampa professionale.

Le stampanti professionali sono dispositivi per l'acquisto dei quali si deve il più possibile cercare di non badare a spese. Il prezzo varia tra i 1000 euro, per i prodotti di fascia più bassa, sino a decine di migliaia di euro per i prodotti industriali. Anche all'interno di questa stessa categoria esisteranno quindi diversi livelli di qualità, crescenti con il prezzo. Le aziende che si occupano di questo segmento del mercato sono diverse, tra cui spiccano anche aziende italiane, che si sono distinte nella realizzazione di questi dispositivi. In questa sezione vi presenteremo quindi la migliore stampante 3D considerando questo consiglio come uno spunto di analisi del mercato poiché è sempre difficile decretare un vincitore incontrastato. Il prodotto maggiormente degno di nota che verrà presentato in questa sezione è la Kloner3D 240, un prodotto davvero interessante con alcune caratteristiche peculiari che la fanno emergere rispetto alla concorrenza.

Discussione

  1. Gianpietro
    2 anni fa

    Ciao, io avevo intenzione di prendere una zotrax, il rivenditore di zona dice che la Cube Pro costa di più per via dell’estetica e del marchio, la makerbot idem ma la zotrax la ritiene più affidabile, cosa ne pensi
    Grazie

    RispondiElimina

Partecipa alla Discussione