Come scegliere un TV 4K

Nel corso degli ultimi anni, i televisori 4K si sono diffusi in maniera cospicua nelle nostre case, grazie ai prezzi sempre più accessibili e ai sempre più programmi o tv streaming che trasmettono a questa risoluzione. È facile apprezzare il miglioramento dell'immagine con una risoluzione nettamente superiore rispetto al recente passato. Ma qual è il miglior TV 4K?

televisore 4k

Prima di tutto è bene sapere che il "4k" indica la risoluzione orizzontale dello schermo, che in questo caso corrisponde a circa 4000 pixel. La risoluzione verticale è invece pari a 2160 pixel, fornendo così una risoluzione elevatissima. È importante sottolineare questo dato perché HD Ready (1280×720 px) e Full HD (1920×1080 px) usano invece come riferimento nel "nome" la risoluzione verticale e sono infatti rispettivamente indicate come 720p e 1080p.

>> Se vi interessa vedere anche modelli HDReady o Full HD consultate la nostra guida generale sui migliori televisori.

Miglior TV 4K: guida alla scelta

Per selezionare il miglior TV 4K devi tenere conto di diversi elementi. Per scegliere il prodotto giusto dovrai tenere conto di una serie di specifiche tecniche e caratteristiche che vedremo in questa guida alla scelta.

Dimensione dello schermo

La dimensione dello schermo è senza dubbio la prima caratteristica che si valuta. Più grande è lo schermo, più intensa e coinvolgente si rivela l’esperienza visiva.

tv moderno 4k

Per poter apprezzare la risoluzione 4K è necessario uno schermo di dimensioni rilevanti. Diversamente infatti sarebbe praticamente impossibile notare la differenza con una risoluzione inferiore, a meno che non guardiate lo schermo da molto vicino, cosa che non succede (e non dovrebbe succedere per la sicurezza dei vostri occhi). Se si pensa infatti per esempio a un monitor di un pc il discorso cambia, perché dovendolo guardare a distanza molto ravvicinata si apprezza la maggiore risoluzione anche con schermi più piccoli.

È importante quindi trovare la giusta dimensione dello schermo, che non sia troppo piccola ma neanche eccessiva. Con televisori molto grandi infatti (dai 60-65 pollici in su), occorrerà una distanza dalla TV piuttosto importante, altrimenti si avrà difficoltà a vedere l'intero schermo senza dover ruotare continuamente la testa e inoltre si otterrà lo stesso risultato di qualità di immagine che si avrebbe con uno schermo più piccolo e con risoluzione minore.

Numero e tipo di porte

Trattandosi di televisori di ultima generazione, è giusto fare attenzione che che siano dotati di tutte le uscite possibili. Dato il grande numero di periferiche collegabili alla tv che si possono trovare in ogni casa, è lecito aspettarsi almeno 3-4 uscite HDMI, almeno una di tipo HDMI 2.0. Si tratta dell’evoluzione dell’HDMI, che fornisce tutta la banda necessaria per vedere contenuti Ultra HD, cioè i contenuti fatti appositamente per le TV 4K.

E non possono mancare nemmeno le porte USB, possibilmente più di una e ancora meglio se di tipo 3.0, le più veloci. Infine potreste verificare la presenza dello slot CI+, necessario per leggere le smart card delle pay TV del digitale terrestre e vederne i contenuti in alta definizione.

Ovviamente la presenza di uscita audio ottica e uscita audio per le cuffie è scontata.

Connettività

Per sfruttare appieno tutte le funzionalità smart che una TV di ultima generazione può offrire, è importante verificare la presenza del Wi-Fi integrato.

tv a pagamento sky

Altra caratteristica interessante è la presenza di tecnologie quali DLNA e Miracast, per trasmettere in modalità wi-fi contenuti audio e video alla nostra TV.

Infine, è senza dubbio di notevole interesse la presenza del bluetooth, viste le nuove gamme di casse e soundbar bluetooth e la sempre crescente gamma di prodotti che possiamo connettere al nostro televisore.

Codifiche supportate

Il discorso è molto ampio, ma vale la pena di elencare velocemente le codifiche che ritengo debbano essere supportate dal miglior televisore 4K. Innanzitutto è importante verificare il supporto dell’HDCP 2.2, un controllo anti-pirateria che girerà sui contenuti ULTRA HD i quali non saranno altrimenti visibili.

Altra sigla importante da cercare è l’HEVC, il codec che verrà usato, soprattutto in futuro, per le trasmissioni televisive in ULTRA HD e per lo streaming video. Basterà verificare che il decoder integrato nella TV supporti questo codec.

Importante anche verificare che il sintonizzatore sia di tipo DVB-T2. Alternativo all’HEVC, per lo streaming video ad alta definizione è il VP9.

Luminosità e colori

Qua il discorso sarebbe lungo e complesso. A seconda dei gusti le valutazioni su luminosità e su intensità e “naturalezza” dei colori possono essere molto differenti. Ci sono però delle nuove tecnologie nate proprio per l’ULTRA HD, che migliorano il controllo della luminosità e forniscono dei colori più profondi e con una gamma più ampia rispetto agli attuali televisori. Si tratta di HDR, gamut ampliato e pannello a 10 bit, che permetteranno di apprezzare al massimo la qualità dei nuovi Ultra HD Blu Ray.

Processore

Un buon processore è alla base di un funzionamento veloce e fluido del televisore, specialmente riguardo alle funzionalità smart.

telecomando tv box

Conclusioni

Come ho cercato di mostrarti, la scelta del miglior TV 4K dipende da vari fattori. Anche i modelli meno costosi saranno in grado di lasciarti pienamente soddisfatto, ma con quelli di fascia alta ti sembrerà di essere al cinema.

Ciò che conta dunque è trovare il giusto compromesso tra qualità e budget a propria disposizione per poter vivere esperienze indimenticabili in compagnia del proprio avanzatissimo televisore.

Discussione

Inizia una Discussione