I Migliori Piani Cottura del 2019

Nel valutare l’acquisto di un nuovo piano cottura, su cosa è necessario soffermarsi? Tra le distinzioni più importanti, evidenziamo la tipologia di alimentazione, che può essere o a gas, oppure elettrica, ma anche il numero di fuochi e i materiali scelti. Ecco i consigli su come scegliere il miglior piano cottura per ogni cucina!

fornello a gas

Piano cottura: guida alla scelta

Ecco di seguito un'analisi di tutti gli elementi da tenere in considerazione nella scelta del piano cottura giusto per ogni cucina. 

Elettrico o a Gas

L’alimentazione a gas è la più diffusa tra i piani cottura. Un piano a gas permette di sfruttare qualsiasi tipologia di padella ed è tra i prodotti disponibili a basso costo. Di contro, il calore va a riscaldare non soltanto le pentole, ma anche lo stesso piano, finendo per disperdere inutilmente energia. Inoltre, non è da sottovalutare il rischio del gas, in particolare se non c’è un allacciamento a metano in casa: bisogna tenere la bombola in un luogo sicuro e con un allaccio adeguato, oltre a ricordarsi che si può doverla cambiare all’improvviso.

Alcuni esempi di piani cottura a gas.

fornello a gas

Il piano elettrico è disponibile in diverse tipologie, esistono modelli tradizionali, a infrarossi oppure a induzione. Un aspetto positivo è l’alimentazione di per sé, in quando si escludono tutti i rischi e i disagi connessi all’uso del gas. Inoltre, i piani elettrici sono più semplici da pulire e offrono una cottura più rapida, senza dispersione. Di contro, le piastre di cottura elettriche hanno un elevato consumo di corrente, che impedisce di utilizzarli in concomitanza con altri elettrodomestici casalinghi. Inoltre, da considerare il fatto che servono pentole e padelle apposite, che funzionino bene con la tipologia di piano e diffondano bene il calore.

Ecco alcuni esempi di piani cottura elettrici.

piano cottura elettrico

Piani di cottura elettrici: tradizionale, a infrarossi o a induzione

Si può andare a distinguere tra tre tipologie di piani di cottura elettrici: la modalità tradizionale, a infrarossi e a induzione. Andiamo a vederne le caratteristiche, per orientarci alla scelta.

Il piano elettrico tradizionale utilizza una resistenza, che va a riscaldarsi e a creare la fonte di calore. Questa tecnologia è ormai superata, a confronto con le altre due modalità. Da un lato, i prodotti di questa gamma sono economici all’acquisto, ma purtroppo serve considerare l’elevato consumo: riscaldando l’intero piano cottura, lo spreco energetico è assicurato, come anche le scottature. In sostanza, l’efficienza bassa difficilmente compensa il basso budget iniziale.

Il piano di cottura elettrico a infrarossi è un formato poco usato in Italia: poggia sull’uso di lampade alogene, una scelta che migliora l’efficienza rispetto al sistema elettrico tradizionale. Un aspetto positivo è proprio questa differenza con i piani tradizionali, insieme a minori costi iniziali rispetto al sistema a induzione. Le lampade, tuttavia, vanno sostituite periodicamente e lo spreco energetico è comunque presente, leggermente più limitato dei precedenti.

Questi sono alcuni piani cottura elettrici a infrarossi in commercio.

piano cottura infrarossi vetroceramica

I piani di cottura a induzione sono decisamente più moderni, visto che sfruttano la fisica dei campi magnetici: all’accensione, si va a riscaldare solo l’area della pentola, grazie a un campo elettrico indotto. Il piano, quindi, non si riscalda, evitando rischi di scottature e sprechi di energia nell’ambiente, con un’efficienza palpabile. La cottura è più rapida non soltanto dei sistemi tradizionale e a infrarossi, ma anche di modelli con alimentazione a gas. Una simile tipologia ha costi più elevati degli altri prodotti con lo stesso scopo, come potrete vedere da questi esempi.

Inoltre obbliga ad usare padelle specifiche, non in metallo e con una conformazione adeguata per questa tecnologia.

Fuochi e Piastre

I piani cottura hanno due tratti distintivi, che possono variare da modello a modello: il numero di fuochi, che è tipico dei modelli a gas, o il numero di piastre, caratteristico dei modelli elettrici. La parola “fuochi” viene usata in maniera inappropriata per entrambe le tipologie di alimentazione, ma si dovrebbe riferire solo ai piani a gas. In questa sezione, la useremo anche per le piastre.

Il numero di fuochi possibili, presenti in un piano, può variare tra i 2 e i 6. L’opzione più diffusa è sicuramente quella con 4 fuochi per piano cottura. Tra questi quattro, comunemente, si distinguono tre dimensioni: un fuoco piccolo, due medi e uno grande. La disposizione più diffusa è quella che ha fuoco piccolo e grande davanti, con i due medi affiancati sulla fila retrostante.

I piani cottura a 5 fuochi di solito aggiungono un fuoco ancora più grande, che può essere disposto o in centro, circondato dai fuochi piccoli, medi e medio-grandi, oppure di lato, con i rimanenti 4 che vanno a formare un quadrato.

I piani cottura a 6 fuochi hanno, in aggiunta, un fuoco di dimensione variabile, piccolo, medio o grande, a seconda del modello scelto. La disposizione è altrettanto variabile di conseguenza e risponde a ogni tipo di esigenze.

Il numero di fuochi presenti su un piano influenza necessariamente la sua dimensione complessiva, come scopriremo nella sezione dedicata alle dimensioni specifiche. La quantità di fuochi varia come sopra elencato sia per i piani con alimentazione a gas, sia per la tipologia a induzione.

Dimensioni e Regolazioni

Uno degli aspetti fondamentali per valutare l’acquisto di un piano cottura è di certo la dimensione, come per la maggior parte degli elettrodomestici, in quando dovremo andare a inserire questa componente in uno specifico set da cucina. La dimensione di un piano cottura cambia a seconda di alcune caratteristiche:

Le dimensioni più comuni presenti in commercio sono 60 cm e 90 cm. I modelli a gas con 4 fuochi sono solitamente di 60 cm, mentre il modello a gas da 5 fuochi esiste sia in versione 60 cm che in versione da 90 cm, a seconda di come sono disposti i fuochi. I modelli di gas a 6 fuochi sono più rari e normalmente sono di 90 cm.

fornello a gas

I piani elettrici di ogni tipologia hanno dimensioni variabili, invece, tra i 30 cm e i 90 cm, con diversi modelli che misurano anche 60 cm e 80 cm. I comandi e le regolazioni a disposizione si diversificano tra i vari modelli. I piani di cottura elettrici tradizionali permettono solo un numero fisso di regolazioni per la temperatura. Di contro, i piani a gas variano da un numero di regolazioni minime a un numero massimo. In questo caso, abbiamo a disposizione una rotella manuale. Nei piani elettrici, soprattutto a induzione, i comandi sono touch e propongono varie selezioni di parametri.

Materiali e Pulizia

Molte delle caratteristiche dei piani cottura dipendono dalle componenti, in particolare dalla scelta dei materiali che li costituiscono.

Se parliamo di piani cottura a gas, i materiali dovranno essere necessariamente acciaio o altre leghe simili. La pulizia delle cucine a gas è forse la più difficoltosa: il sistema di erogazione della fiamma è piuttosto sporgente, con una grata di sollevamento rispetto al fuoco, che rende difficile arrivare in ogni punto del piano.

piano cottura in vetroceramica

Se guardiamo invece ai sistemi di alimentazione elettrica, cambiano alcune cose. In generale, infatti, i piani elettrici sono più semplici da pulire, grazie a una superficie tendenzialmente liscia. I materiali di costruzione possono variare. Il migliore è sicuramente la vetroceramica, sia per una questione di efficienza, che ne ottimizza l’uso energetico, sia per la facilità di pulizia nei suoi vari punti. La vetroceramica è utilizzata nei piani elettrici di ogni tipo, ovvero nei piani a induzione, nei piani elettrici tradizionali e in quelli a infrarossi.

I prodotti consigliati

Ecco alcuni esempi di piani cottura a gas:

  1. Candy CHW6LBX
  2. KLARSTEIN Ignito

Alcuni esempi di piani cottura a induzione:

  1. KKT KOLBE IND5901FZ
  2. Candy CI 640 CBA/1

Esempi di piani cottura a infrarossi:

  1. NJ CH-90
  2. XGMY C23

Discussione

Inizia una Discussione

Utilizziamo diversi tipi di cookie per garantirti un'esperienza di navigazione ottimale. Troverai abilitati solo quelli che permettono il corretto funzionamento del sito e l'invio di statistiche anonime sul suo utilizzo.

Vuoi abilitare anche i cookie opzionali per le finalità indicate nella Privacy e Cookie Policy?

No